Organico

In questi trent’anni hanno suonato nelle fila della Fanfara moltissimi “musici”, alcuni dei quali sono assiduamente impegnati sino dall’istituzione del Complesso (foto a lato). Attualmente l’organico è composto da quarantacinque elementi appartenenti alle bande di Bannio, Crevoladossola, Baceno, S.Rocco di Premia, Ceppo Morelli, Fomarco, Varzo, Bognanco, Bracchio, Crodo, Oira, Malesco. Molti degli attuali strumentisti  vantano un Servizio Militare svolto nella Fanfara della Brigata Alpina Taurinense.

PRESIDENTE CARLO LANTI - Macugnaga
Ha svolto il servizio militare a cavallo degli anni 1972/73. Dopo il C.A.R. a Mondovì ha raggiunto il Corpo a Ulzio (34^ Compagnia), per poi essere aggregato al Centro Sportivo di Cesana in forza al Nucleo Agonisto di Sci di Fondo. Dopo il Congedo si è iscritto al Gruppo Alpini di Ceppo Morelli. Sposato, è Padre di due Figlie. Ha sempre partecipato in maniera attiva alla vita della Comunità, ricoprendo diversi incarichi. Dal 1974 è membro del Soccorso Alpino di Macugnaga, di cui è stato Capo Stazione dal 1988 al 1996. E’ stato uno dei promotori e dei realizzatori del Monumento ai caduti della Montagna di Macugnaga. E’ Consigliere del C.A.I. sempre a Macugnaga. E’ stato uno dei Fondatori della Casa Museo Walser, ha ricoperto il Ruolo di Presidente della Fondazione e ora ne è il Vice Presidente. Attualmente è anche Consigliere Comunale nel suo Paese.

 

VICEPRESIDENTE Cav. GIULIO MORANDINI - Villadossola

Per anni è stato Segretario sezionale e successivamente Revisore dei Conti. Ha assolto il Servizio militare partecipando al Corso Allievi Ufficiali, prima ad Ascoli Piceno poi ad Aosta per la Specializzazione Alpina. Infine ha prestato servizio al Corpo in quel di Bra come Sottotenente. Si è congedato con il grado di Tenente.

MAESTRO Prof. ANTONIO MANTI - Domodossola

Si è diplomato presso il Conservatorio “A Vivaldi” di Alessandria

sotto la guida del M°Franco Titani già prima tromba dell’Orchestra della R.A.I. di Milano.

Ha seguito corsi di perfezionamento con i maestri  Armando Ghitalla (Boston Sinphony)

Luigi Sechi (Teatro Carlo Felice di Genova) , Marcus Stockhausen.

Ha seguito per diversi anni corsi di improvvisazione jazz con il M°Ramberto Ciammarughi

e nel 2007 ha partecipato ai corsi Estivi di Siena Jazz.

Ha fatto parte dell’orchestra a fiati “Accademia”, del gruppo d’ottoni “A.Banchieri”

partecipando a diverse stagioni concertistiche per conto della "Gioventù musicale Italiana",

e di varie formazioni cameristiche del V.C.O. e del Novarese. Ha insegnato   tromba e trombone e  musica d'insieme  presso i  corsi ad  indirizzo Bandistico  istituiti presso  i comuni di Piedimulera, ,Villadossola ,Crevoladossola ,Bannio, Premia .e attualmente presso le bande musicali di Crodo e Druogno. Ha  diretto la Banda musicale di Piedimulera e attualmente dirige il “Premiato Corpo Musicale di Bannio” alla guida del quale ha ottenuto nel 2013 il secondo post o al Concorso “Flicorno d’Oro”di Riva del Garda.

Collabora da diversi anni con l’orchestra della Cappella musicale Sacro Monte Calvario di Domodossola .

Attualmente svolge attività musicale con il gruppo di ottoni " Domino Brass Ensamble"

Dal 1986 è docente di Educazione Musicale nella Scuola Media

Attualmente  insegna Educazione Musicale presso I.C. di Vogogna e Tromba e Trombone presso

la SMS di Domodossola

Dal 2006 dirige il Premiato  Corpo Musicale di Bannio Anzino alla guida del quale ha

ottenuto nel 2013 il secondo posto al Concorso “Flicorno d’Oro”di Riva del Garda.

Ha diretto inoltre in collaborazione con altri maestri la Banda Giovanile Anbima del VCO.

 

Ha svolto il servizio militare nella Fanfara della Brigata Alpina Taurinense, 10° scaglione 1979. Di questo periodo ha tanti ricordi. Eccone qualcuno:

 

- Albertville (Francia) - con i francesi,svizzeri,olandesi e un particolare : la banda irachena  molti di loro sapevano già che al ritorno sarebbero partiti in guerra contro l'iran ,una guerra che causò un milione di morti. Conservo ancora una medaglietta con Saddam Ussein che uno di loro mi appuntò sulla giacca in segno di amicizia. Mi colpì l'atteggiamento di quei militari,molto diversi da noi,mangiavano nel nostro stesso albergo sempre con le finestre chiuse,a lume di candela e in silenzio tombale mentre noi alpini nell'altro lato della sala .... totalmente indisciplinati.

Ricordo in particolare la marcia di Radetzky suonata da loro in nostro onore,e con tanta passione ...tutta particolare.

 

- Italia vs Inghilterra e Italia vs Polonia agli Europei del 1980.  L'emozione di suonare l'inno italiano in campo e stare seduti a bordo campo per tutta la partita,

scambiando  qualche battuta con Franco Causio che era in panchina. E vedere da vicino Antognoni,Scirea,Tardelli,Zoff Paolo Rossi e tutti i nazionali di quegli anni.

 

- Gli onori resi all'allora presidente della Repubblica Sandro Pertini in visita ad Aosta.  

 

- Il silenzio fuori ordinanza suonato  a Donato Biellese, all'imbrunire  sul muretto di una Piazza con la vista sul paese.Gli abitanti sentendo una tromba suonare accesero le luci uno alla volta  e piano piano il paese si illuminò  e alla fine mi fecero l'applauso. Eravamo in libera uscita,a cena da un amico che dopo anni mi confidò che i vecchi del paese a distanza di anni ricordavano ancora quell'evento.

 

LE NOSTRE FOTO

Ana: sito ufficiale Associazione Nazionale Alpini

Le penne nere veronesi in piazza Bra per il 145° delle Truppe Alpine (gio, 19 ott 2017)
Tende, un ospedale da campo, rocciatori in azione, uomini in divisa e mezzi schierati. Il turista distratto di passaggio in piazza Bra nel fine settimana potrebbe essere assalito da un atroce (quanto fuorviante) dubbio: «Siamo in guerra?». Niente di più distante dagli eventi bellici: perché nel cuore della città, sabato e domenica è in programma una grande festa all'insegna dei valori della solidarietà, della pace e del volontariato. Valori che guidano l'operato delle Penne Nere, pronte a celebrare il 145° anniversario della fondazione delle Truppe Alpine con una due giorni all'ombra dell'Arena. 
>> leggi di più

Quattro serate per i cent’anni di Caporetto (mer, 18 ott 2017)
Si terrà a Tavagnacco il 27 ottobre prossimo la seconda delle quattro serate dedicate ai cent’anni di Caporetto. “Caporetto 1917 - Chei che son restâs” si terrà al Centro Civico di Tavagnacco, dalle ore 20.
>> leggi di più